Nonostante si associ il pensiero di “asporto” principalmente al prodotto “pizza”, un locale per asporto può proporre diversi prodotti ai propri clienti. Dalla ovvia pizza, la cucina può arrivare a sfornare anche fritti, o panini gourmet, o calzoni speciali, si possono vendere bibite o ci può esserci un bar attiguo…in questo caso, come gestire i diversi centri di produzione interessati?

CHE COS’È UN CENTRO DI PRODUZIONE

Un centro di produzione è inteso come un reparto che produce un prodotto specifico, diverso da quello che può produrre un altro centro di produzione anche all’interno della stessa cucina. Avremo quindi per esempio la postazione “pizzeria” per le pizze, la postazione maggiore, composta da un forno a legna o a gas, e magari una postazione “friggitoria” per i fritti, composta da qualche friggitrice e tanto olio, e così via.


Le diverse postazioni devono poter comunicare tra di loro nonostante siano differenti, cercando di coordinarsi per presentare contemporaneamente le pietanze di una stessa comanda del ristorante. Ma devono al tempo stesso aver anche la possibilità di differenziarsi nella gestione delle comande per potersi gestire ciascuna il proprio lavoro, senza dover far riferimento sempre e solo al centro di produzione più importante.

In questo senso può risultare utile posizionare diverse stampanti comande che possano ricevere lo stesso ordine contemporaneamente dislocate nei diversi “settori” del locale: una stampante che stampi in cucina, una stampante che stampi nel bar, una stampante per i fattorini e l’asporto…

È possibile con alcuni programmi gestionali per locali d’asporto anche personalizzare la stampa in uno specifico reparto in base alle preferenze impostate sul programma stesso. Per esempio potrebbe risultare più utile nelle stampe dedicate all’asporto a domicilio avere un riepilogo delle pietanze in un carattere più piccolo rispetto ai dati dell’indirizzo di consegna; viceversa al forno non interesserà sapere a chi deve essere consegnata la pizza, sarà più preoccupato di controllare che pietanze sono state richieste dai clienti finali.

Ma non solo. Le stampe con alcuni programmi gestionali per locali d’asporto possono contenere anche il nome del pony che ha preso in carico la consegna, così da poter controllare poi a fine mese il suo operato e quante consegne ha effettivamente portato a termine.

Queste appena presentate si definiscono regole personalizzabili di stampa e possono essere davvero un aiuto in più se impostate ed utilizzate correttamente.

Le stampanti dovranno essere costantemente monitorate per accertarsi che funzionino tutte e che ricevano tranquillamente gli ordini, pena una pesante disorganizzazione di tutto il locale; è per questo motivo che è possibile da alcuni programmi controllare anche lo stato delle stampanti: il programma avviserà in automatico nel caso in cui non riuscisse a connettersi con una specifica stampante di uno specifico reparto, evitando così di creare problemi nella produzione dei piatti.

Tutto questo e molto di più è possibile anche con SPEEDY®. Se vuoi conoscere tutte le sue funzionalità, visita la pagina dedicata.

One Thought to “CENTRI DI PRODUZIONE DIFFERENZIATI”

  1. […] essenziale gestire bene i centri di produzione. Avevamo già parlato di centri di produzione in un altro articolo del blog, riassumiamo qui i punti essenziali: i centri di produzione sono tutte quelle sezioni di […]

Leave a Comment