Se l’idea di far attendere in fila i tuoi clienti per ritirare il proprio ordine al tuo locale non ti entusiasma, se la gestione delle comande telefoniche crea più confusione che altro, se dare una tempistica precisa di consegna non è cosa immediata, forse è arrivato il momento di modificare quella che è sempre stata l’organizzazione del tuo lavoro.

Non fraintendere: una pizzeria per asporto può benissimo sopravvivere con il tradizionale metodo “carta e penna” per la gestione di comande, fattorini, calcolo costi e retribuzioni…le modalità tradizionali di gestione di un locale per asporto non moriranno (probabilmente) mai.

Ma esistono modi di semplificare diversi aspetti del quotidiano con piccoli accorgimenti. E crediamo che una semplificazione del lavoro possa essere utile a chiunque.

Come evitare quindi assembramenti, attese e false promesse al tuo locale? Te lo spieghiamo in questo articolo del mese.


Il primo problema nel gestire ordinazioni direttamente al locale è la tempistica precisa di gestione dell’ordine.

Quante volte ti è capitato di pensare di riuscire a gestire un’ordinazione in un determinato tempo, e invece ti sei ritrovato un po’ in ritardo (o decisamente in ritardo) rispetto alla tabella di marcia? E quante volte l’orario promesso al cliente, sforato, l’ha portato ad innervosirsi?

Non è colpa tua! Una pizzeria o un locale per asporto è fatto di molti “personaggi” diversi, ciascuno con il suo ruolo e le sue mansioni. Se anche uno di questi ingranaggi non funziona a dovere, è normale che tutto il sistema si ritrovi a ruota ad avere problemi.

Inoltre risulta ovviamente anche molto difficile dare tempistiche esatte senza conoscere l’esatto carico e impegno dei forni, calcolo che non sempre è facile da fare su due piedi, nel mezzo di mille altre incombenze.

Ma questo un cliente non lo può sapere.

Soluzione a queste situazioni: spostare l’ordine verso il digitale. Con un sistema digitale di inserimento e gestione dell’ordinazione risulta infatti molto più facile calcolare il tempo per la preparazione e la consegna, perché è un calcolo che viene fatto in automatico!

Il cliente, educato pian piano ad inserire il suo ordine in digitale (senza quindi presentarsi al locale o chiamare), ancora prima di inserire l’ordine sarà informato sul tempo di gestione dello stesso, calcolato dal programma in base ad impegno dei forni e impegno dei fattorini (in caso di consegna).

Potrà quindi scegliere autonomamente tra gli slot temporali disponibili, calcolati anche questi dal sistema in base a regole matematiche impostate (es. un massimo di 10 ordini in tot tempo) oppure in base sempre all’impegno dei forni, costantemente monitorato dal software stesso.

Puoi anche avvisare preventivamente il cliente della possibile variazione dell’orario di consegna (patti chiari, amicizia lunga), così da evitare incomprensioni o tensioni.

Se poi volessi consentire al cliente finale di monitorare ogni singolo passaggio del suo ordine, e “tranquillizzarlo” così sul suo stato di avanzamento, oggi è possibile:

  • Inviare un sms automatici a presa in carico dell’ordine e/o ad inizio consegna
  • Inviare sms per eventuali ritardi nella consegna
  • Inviare notifiche push (in caso di utilizzo di un’app) per avvisare di qualsiasi cambio di stato dell’ordine
  • Fornire ai tuoi fattorini un’app che consenta al cliente finale di seguire in tempo reale il percorso del fattorino.

In questo modo nervosismi per le attese nel tuo locale sarebbero di molto diminuiti e il cliente sarebbe costantemente conscio di tempistiche e consegne.

Leave a Comment